Header Club Subacqueo Amici del Blu - Homepage
Data pubblicazione: 17/12/2010

 

Rio Abierto

 

 

PROGETTO MOVIMENTO ESPRESSIVO

 

      RIO ABIERTO

 

 

 

 

PREMESSA

 

I cambiamenti che rapidamente si susseguono nella nostra società portano inevitabilmente le persone verso una trasformazione ed un adattamento a nuovi ritmi e nuove situazioni. Non sempre questo è facile da attuarsi, uscire dai propri schemi e modelli di vita a volte diventa motivo d'ansia e d'angoscia.

 

Il progetto si propone di favorire l’incontro con se stessi attraverso l’accettazione di sé, il riconoscimento delle proprie risorse e le potenzialità del corpo in movimento.

Attraverso l’imitazione di gesti, d’espressioni vocali, della modulazione del respiro, del movimento dell’istruttore la persona potrà sperimentarsi in una veste nuova e sentire concretamente nel proprio corpo nuove possibilità.

 

Questo potrà aiutare ad adattarsi a nuove situazioni più facilmente, rendendosi conto in modo naturale che un cambiamento ed una nuova visione sono possibili.

 

 

Insieme si vince

CHE COS’E’ RIO ABIERTO

 

Il progetto “Rio Abierto - movimento espressivo” vuole proporsi come momento di riconnessione con il proprio corpo  e con se stessi oltre che momento di comunione con ciò che ci circonda.

 

Rio Abierto Italia è un sistema di lavoro nato in Argentina negli anni ’50 che integra il corpo in una visione transpersonale dell'essere umano. 

In lingua castigliana Rio Abierto significa “fiume aperto” e simboleggia lo scorrere della vita in ognuno. Il lavoro permette di riconoscere e sviluppare armonicamente il nostro potenziale d’ amore, intelligenza ed energia quale coscienza di essere parte di un tutto più grande.

 

La tecnica proposta si fonda sulle teorie della Psicologia Umanistica: in ognuno di noi c’è un potenziale di energia - sentimento - intelligenza che è sempre e da sempre presente. Fin dall’infanzia ci siamo allontanati da un’espressione piena e libera di questo potenziale ed abbiamo elaborato un’ideale irraggiungibile, mantenendo un’idea piuttosto insufficiente di noi stessi. E’ avvenuto, dunque, un processo d’adattamento per il quale ognuno di noi si è costruito uno o più schemi di comportamento tesi a proteggerci e a nascondere insicurezze e limiti. Questo porta ad un allontanamento dalla parte più autentica di noi stessi. Ed è proprio verso questa parte che è importante tornare, perché lì troviamo la fonte inesauribile della nostra potenzialità, della nostra autorealizzazione; il contatto con la nostra essenza.

 

 

LA PRATICA


La pratica si svolge attraverso il movimento del corpo coadiuvati dalla musica; l'espressione di stati d'animo, d’emozioni, la presa di coscienza di stati energetici, di meccanismi psicologici, di atteggiamenti posturali, la liberazione dallo stress, il risveglio gioioso della vitalità e l'apertura a nuovi stati di coscienza, sono gli elementi primari come pure gli effetti principali di questo lavoro. Il movimento di gruppo si svolge in cerchio perché il cerchio è una forma archetipica che dinamizza l’energia favorendo il contatto tra i partecipanti che, per imitazione, seguono il movimento condotto dall'istruttore. E’ una pratica espressiva in quanto consente di esternare e dramma-tizzare stati d’animo ed emozioni e per questo rappresenta un potente mezzo di liberazione e trasformazione.

 

Durante la pratica potranno essere proposti momenti di esercizi a coppie o di gruppo, yoga, massaggio, rilassamento, visualizzazioni e  meditazione dove ritroviamo quella possibilità di pace profonda e di tranquillità che spesso ci sfugge nella vita di tutti i giorni.

 

La pratica di movimento favorisce il contatto con questa dimensione più essenziale di noi stessi.

 

L’istruttore avrà cura di mettere attenzione nel guidare e sostenere un percorso progressivo di consapevole accettazione di sé e dell’altro, rispettando i tempi dell’evoluzione personale.

 


OBIETTIVI

  • Armonizzazione dei vari aspetti di noi: fisico, energetico, emotivo, mentale, spirituale;RioAbierto_2.jpg
  • Tonicità muscolare e scioltezza articolare;
  • Contatto con la propria respirazione;
  • Scarico da stress e pesi accumulati;
  • Acquisizione della fiducia in se stessi;
  • Miglioramento del movimento del proprio corpo;
  • Ampliamento delle  proprie possibilità;
  • Miglioramento della qualità della vita.

Partendo dal corpo quindi, l’operatore potrà aiutare le persone a contattare le proprie rigidità e i propri blocchi in modo concreto ed esperienziale, guidandole in un percorso d’accettazione e di graduale ammorbidimento.

 

Nei casi in cui le energie del corpo siano bloccate a più livelli, quindi condizioni di ansia, angoscia, depressione, alterazione dei ritmi biologici, insonnia, stanchezza fisica e mentale, difficoltà di socializzazione, ecc., il metodo costituisce un valido aiuto per ritrovare il benessere perduto.

 


PROPOSTA

 

IN GRUPPO

 

Il gruppo è una dimensione molto importante nel nostro lavoro: la potenza energetica di un gruppo risveglia l’energia di ogni partecipante. Per la specificità del nostro sistema di lavoro, il gruppo è una dimensione che genera arricchimento per ogni individuo, lo accompagna in una trasformazione energetica ed armonizzazione potenziata da quella altrui. Di conseguenza ci sentiamo di sottolineare come, in questo caso, l’essere in più persone non si traduca in meno attenzione, incisione o efficacia per l’individuo ma, anzi, sia esattamente il contrario.

 

INDIVIDUALE

 

La pratica di movimento individuale può essere proposta a chi senta di non riconoscersi nella dimensione del gruppo o anche a chi abbia voglia di esplorare il proprio movimento e la propria energia in una dimensione più personale.

 

Si consiglia abbigliamento comodo

 

 

 

ISTRUTTORI 

 

Francesca Volponi: istruttrice e counseler a mediazione corporea sistema Rio Abierto


Volpon Francesca

Sono nata  a Milano il 10 gennaio 1963, sono sposata e ho un figlio di 15 anni.

Ho lavorato nel campo creativo e artigianale praticamente da sempre, nel campo della pubblicità prima e poi collaborando con vari laboratori artigianali.

 

Da anni lavoro come pittrice dipingendo sia a quattro mani nel progetto Stregacomandacolor, sia singolarmente.

 

Tengo laboratori creativi e di disegno.

 

L’espressione creativa, la possibilità di dare voce alla parte più interna e meno conosciuta di noi stessi, quella parte più selvatica e primordiale è il nucleo del mio percorso.

 

La mia ricerca formativa e spirituale è cominciata molto presto, con gruppi di meditazione, l’iniziazione alla M.T. di Maharishi, un percorso di psicoterapia freudiana, studi e approfondimenti sulla psicologia umanistica, training autogeno, Hatha Yoga, Raja yoga, 2° livello Reiki. Nonostante ciò mancava un vero contatto con il corpo, non riuscivo ad arrivarci veramente.

 

L’incontro con Rio Abierto è stato amore a prima vista. E’ stato come trovare l’anello mancante della mia vita, scoprire il corpo, sentirlo e conoscerlo profondamente a più livelli mi è cambiata e arricchita portandomi verso una sintesi armonica del mio mondo interiore riscontrando la possibilità di una più completa e chiara espressione.

Siamo noi...

Sto tenendo alcuni gruppi di movimento dove vedo esprimersi l’immenso potenziale emozionale, mentale ed energetico che appartiene a tutti e lo guido o forse meglio dire sono guidata verso una forma, una manifestazione che a volte per qualche folgorante attimo unisce tutti al “Tutto”:

 

Il mondo l’hai tutto dentro di te e se sai guardare e imparare, allora la porta è là e la chiave è nelle tue mani. Nessuno al mondo può darti la chiave, né la porta da aprire: soltanto tu lo puoi.”J.Krishnamurti

 

 

 

Maria Garcia: tirocinante autorizzata dalla scuola di formazione Rio Abierto Italia.

 

Garcia MariaSono nata a Madrid nel 1973. Laureata in Economia e Commercio, ho iniziato una carriera professionale che mi ha portato per 14 anni a coprire diversi ruoli nel campo finanziario in società multinazionali in Europa e negli Stati Uniti. Sono sposata, con una figlia di due anni.

 

Parallelamente, per tutto il corso della mia vita, ho seguito un percorso di ricerca e crescita personale attraverso la psicologia Freudiana ed altre discipline, quali la Teoria Transazionale, il Reiki (2° livello), il Metodo Silva, percorso di arte-terapia, etc., sempre alla continua ricerca di un equilibrio e scoperta interiore. Viaggiare e vivere in altri paesi mi ha poi aiutato a comprendere meglio i limiti della mia mente e spinto verso la scoperta di più ampi orizzonti.

 

Il mio incontro con Rio Abierto è avvenuto“per casualità” a Buenos Aires nel 2005 durante un viaggio di lavoro ed ho compreso fin da subito che questo sarebbe stato il mio percorso. Da allora, ho frequentato il corso di formazione di quattro anni nella sede Italiana di Rio Abierto e mi sono diplomata nel 2009. Nel 2010 ho concluso il corso di specializzazione in counselling a mediazione corporea e condotto alcuni corsi di movimento di Rio Abierto a Milano come tirocinante. Per me Rio Abierto rappresenta lo strumento per vivere la mia vita con maggiore consapevolezza, intensità, ed apertura e gioia.

 

Per maggiori informazioni www.rioabierto.it

 

 

 

LUOGO DI RITROVO


RioAbierto_3jpg.jpg

c/o Palestra della Piscina Comunale di Parabiago, fraz. Ravello, Via del Carso angolo via Amendola.

 


 

ABBIGLIAMENTO

 

Vestiti molto comodi o tute, nulla di speciale.

 

 

 

ORARIO E CALENDARIO DELLE SERATE


N° 12 lezioni o pratica di movimento con la musica, della durata di un’ora circa ognuna da svolgersi una  volta  alla settimana il lunedì sera dalle 21.00 alle 22.00 come da seguente calendario

 

 

Lunedì – Rio Abierto (12)

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Gennaio

 

 

17

24

31

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Febbraio

 

7

14

21

28

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Marzo

 

7

14

21

28

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Aprile

 

11

 

 

 

 

 

 

 

 

 

OPZIONE

 

Per coloro che si iscriveranno al corso Rio Abierto e che non siano già soci, potranno richiedere l’opzione per poter usufruire dal 14 gennaio 2011 al 24 giugno 2011 di n° 19 serate sociali previste nella giornata di venerdì come da calendario riportato alla pagina seguente con utilizzo dell’impianto natatorio dalle 21.20 alle 24.00 ed utilizzo delle vasche dalle 21.40 alle 23.30: ci si potrà allenare, divertirsi, ritrovarsi tra conoscenti ed allargare la sfera delle amicizie.

 

Serate Sociali del Venerdì (19)

 
 
             

 

 
 

  Gennaio

 

 

14

21

28

 

 
             

 

 
 

  Febbraio

4

11

18

25

 

 

 
             

 

 
 

  Marzo

4

 

18

25

 

 

 

 

           

 

 
 

  Aprile

1

8

15

 

 

 

 
             

 

 
 

  Maggio

 

6

13

27

 

 

 
             

 

 
 

  Giugno

 

10

17

24

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 
                 

 

 

 

Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi ai responsabili del Club

 

Sozzi Angelo Casa 0331 677789 Cell. 348 7049251
Rebecchi Giovanni Casa 02 9309452
Cell. 339 4255347
Alberton Emanuela   Cell. 339 6028261
De Bernardi Marzia Casa 0331 587973 Cell. 349 7888867

Autore dell'articolo:
Angelo Sozzi